CAMMINARE ALL'ARIA APERTA: I BENEFICI DEL WALKING

04 Aprile 2018

Con l’arrivo della primavera cresce la voglia di uscire di casa e respirare aria pura. Invece di prendere l'auto, prova a goderti una sana camminata di almeno 30 minuti a ritmo sostenuto. Questa semplicissima attività fisica, oltre a essere a costo zero, ti aiuterà a mantenere la linea ma non solo. Infatti come spiega una recente ricerca pubblicata sull' American Journal of Preventive Medicine, camminare ogni giorno tiene lontana anche la depressione. Il walking migliora, quindi, sia la salute fisica sia quella mentale.

Scegliere angoli verdi della propria città è un ottimo modo per godendosi ogni sfumatura del paesaggio. Il walking è una pratica sportiva riscoperta di recente negli Stati Uniti ed è alla base di tutto il fitness, ma soprattutto viene valorizzata per le sue potenzialità contro lo stress. Dal punto di vista tecnico si tratta di un perfezionamento del movimento naturale della camminata, un gesto spontaneo e naturale che tutti siamo in grado di compiere, ma che tendiamo ad usare sempre meno.

Il nostro benessere psico-fisico risiede in un perfetto equilibrio tra la mente ed il corpo. Questo equilibrio viene però costantemente minacciato dai ritmi intensi della vita quotidiana e sovente gran parte del nostro lavoro si svolge esclusivamente a livello mentale. Questo comporta la necessità di ricorrere a una pratica motoria specifica per ristabilire il nostro benessere.


Ecco alcuni dei vantaggi di praticare il walking all’aria aperta nella natura:
1. CALMA L’ANSIA Il  Journal of Epidemiology and Community Health ha pubblicato uno studio riguardo gli effetti positivi per l’ansia derivanti dal contatto con la natura.

2. FORTIFICA IL SISTEMA IMMUNITARIO La natura con i suoi suoni , i suoi profumi e il contatto fisico con gli elementi naturali, porta i nostri sensi ad affinarsi, diventando più attivi e ricettivi, abbassando i livelli di cortisolo nel sangue (l’ormone dello stress), diminuendo il battito cardiaco e la pressione sanguigna, con effetti positivi per l’intero organismo. 

3. ALLONTANA I PROBLEMI In seguito ai miglioramenti fisici del corpo, la mente tende ad allontanare i problemi rendendoli meno assillanti e, allo stesso tempo, tende a vedere con maggiore tranquillità le preoccupazioni di tutti i giorni in modo da poterle affrontarle serenamente. 

4. REGOLARIZZA IL RESPIRO Camminare a contatto con la natura ci permette di regolarizzare il respiro, che invece nei momenti di ansia e di paura tende a farsi corto, superficiale e affannato.

5. MIGLIORA LA VITAMINA D La Vitamina D contribuisce a ridurre le infiammazioni e aiuta a rafforzare il sistema immunitario. E’ molto importante passare del tempo nella natura e all’aria aperta per poter fare il pieno di vitamina D.

6. LA NATURA MIGLIORA LA CREATIVITÀ Una ricerca del 2012 condotta da Ruth Ann Atchley ha provato come la natura riesca ad influenzare la creatività di chi si trovi a viverla, con incrementi cognitivi addirittura del 50%. Una delle principali cause di questa creatività amplificata risiederebbe nella maggiore concentrazione che si riesce a trovare in un bosco, in montagna o in qualsiasi ambiente incontaminato.

7. LA QUALITÀ DEL SONNO Allontanarsi per qualche ora durante la settimana dall’urbanizzazione e vivere un ambiente naturale incontaminato aiuta a regolare le funzioni ormonali e a regolare l’orologio interiore responsabile della regolazione dei ritmi di veglia e sonno.

CONSIGLI PRATICI PER CHI VUOLE INIZIARE
È bene, nel caso si voglia praticare il walking, seguire alcuni accorgimenti importanti:

A. PORSI OBIETTIVI REALI E NON IMPOSSIBILI
Per iniziare è necessario procedere gradualmente per tappe e per livelli. In ogni caso, conviene seguire la vecchia regola di rallentare o di fermarsi quando il respiro si fa affannoso. 

B. PREPARARSI CON STRETCHING
È bene prepararsi con qualche esercizio di stretching (allungamento dei muscoli) sia prima della seduta di walking che dopo. Inoltre fare attenzione a curare la propria postura, perché la camminata deve risultare fluida, armoniosa ed elastica se si vogliono avere dei benefici. 

C. BERE ACQUA SANTA CROCE
Bere acqua durante e dopo l’allenamento; mangiare cibi ricchi di sodio e di potassio (banane, patate, pomodori, latte, riso, carne di pollo, piselli, lenticchie, mandorle, spinaci).