Come si legge un etichetta

Denominazione e nome dell’acqua minerale naturale

Ogni etichetta deve sempre indicare la dicitura “Acqua minerale naturale”, per distinguerla da altre acqua, ed il nome della stessa.

Luogo di origine

Località ove l’acqua minerale naturale viene imbottigliata.

Termine minimo di conservazione (t.m.c.)

E’ la data fino alla quale il prodotto mantiene le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione.

Analisi chimica

Riporta gli elementi caratteristici di ciascuna acqua minerale naturale, espressi in milligrammi/litro:

  • Per prima cosa, occhio al cosiddetto residuo fisso: più è basso e più l’acqua è povera di sali minerali. Per le oligominerali, le classiche acque da pasto, i valori vanno da 51 a 500 mg/l. Le acque con residuo minimo sono maggiormente diuretiche. Mentre quelle molto ricche di sali minerali andrebbero bevute sotto controllo medico per scopi terapeutici precisi.

  • Altro fattore cui prestare attenzione è il sodio. Non esiste una soglia massima per le acque minerali, al contrario di quelle del rubinetto, e un terzo delle marche ne contiene quantitativi elevati. Se il valore supera i 200 mg/l è sconsigliabile per chi soffre di ipertensione.

  • C’è infine la questione dei nitrati, presenti in tutte le acque e, in concentrazioni elevate, indizio di inquinamento. I limiti per le minerali sono di 45 mg/l, 10 mg/l per quelle destinate all’infanzia. Quasi mai però, se i limiti sono superiori a 10 mg/l, appare la controindicazione: “NON ADATTA AI BAMBINI”.

Microbiologicamente pura

Attesta l’assenza totale di germi pericolosi per la salute, e indicatori di inquinamento ma non esclude la presenza di una certa flora microbiologica naturale e tipica a dimostrazione che l’acqua minerale naturale non è stata trattata.

Qualità salienti

Sono riportate le qualità favorevoli approvate dal Ministero della Salute.

Contenuto

Indica il contenuto netto di acqua minerale naturale nel contenitore. La “e” sta ad indicare che si tratta di un volume a norma europea.

Codice a barre

Fornisce indicazioni leggibili per rilevatori elettronici riferibili al produttore e all’articolo venduto presso la distribuzione.

Dicitura ambientale

Frase o disegno che invita a non disperdere il contenitore nell’ambiente dopo l’uso.

Indicazioni per la corretta conservazione del prodotto

Consentono all’acqua minerale naturale di mantenere le sue caratteristiche originarie. Da Mineracqua; A cura del Prof. Antonio Boccia, Docente di Igiene dell’Università di Roma “La Sapienza”.

Lotto

Indicazione che consente di individuare la partita del prodotto e la sua linea di imbottigliamento, ai fini della rintracciabilità.

Classificazione

E’ in ragione del residuo fisso.

COMPRENDERE LE SUE PECULIARITA'

Sodio - Acqua Santa Croce
SODIO

Il basso tasso di sodio (solo 1.5 mg/l) la rende particolarmente indicata nelle diete iposodiche e contribuisce a regolare l'equilibrio idrico dell'organismo.

Residuo fisso - Acqua Santa Croce
RESIDUO FISSO

Il residuo fisso di 180 mg/l garantisce all'organismo il giusto apporto di sali minerali, favorendo la diuresi e agendo positivamente sul metabolismo epatico e il ricambio renale.

Nitrato - Acqua Santa Croce
NITRATO

Il basso contenuto di nitrato (solo 1,1 mg/l) la rende particolarmente pura e indicata per i bambini e le donne in gravidanza.